Benvenuti nel sito di Federalberghi Garda Veneto!



SVILUPPO E SOSTENIBILITÀ DEL TURISMO VENETO: ASCOLTATI GLI OPERATORI E RINVIATA LA DELIBERA SUI TEMATISMI

Garda, 10 settembre 2013

Comunicato

Come è noto, la nuova legge quadro regionale sul turismo (n.11/2013), suddivide il territorio regionale in Sistemi Turistici Tematici (STT): ovvero otto “aree tematiche” di eccellenza sulle quali concentrare la promozione nei canali preposti e alle fiere internazionali di settore.
Tra queste aree tematiche citiamo, ad esempio, il Lago di Garda, le città d’arte, la montagna veneta, il mare le terme ecc. Lo scopo della suddivisione è una più proficua distribuzione delle risorse destinate al turismo per ambito territoriale.
Ma un’attenta valutazione della ripartizione proposta dalla Giunta Regionale ha evidenziato qualche “dimenticanza” e qualche incongruenza raccolte in un documento unico di Confturismo Veneto a firma del presidente Marco Michielli, redatto con il contributo delle Associazioni territoriali di categoria, e presentato il 4 settembre scorso durante un’audizione in Sesta Commissione Consiliare, alla quale hanno partecipato i soggetti proponenti tra cui il presidente di Federalberghi Garda Veneto Corrado Bertoncelli.
L’occasione è risultata particolarmente utile per rappresentare al Presidente e ai Consiglieri della Sesta Commissione anche alcune puntuali, motivate e costruttive osservazioni provenienti dal territorio gardesano e che rispondono a precise logiche in chiave turistica.
In seguito a questa audizione, la Sesta Commissione di Palazzo Ferro Fini ha infatti sospeso il voto sulla delibera relativa ai tematismi per avere il tempo di modificarla alla luce delle osservazioni sollevate.
“Per quanto riguarda il Lago di Garda - informa il Presidente di Federalberghi Garda Veneto Corrado Bertoncelli - abbiamo ritenuto opportuno chiedere di aggiungere al sistema tematico “Lago di Garda” i comuni di Pastrengo e Rivoli Veronese che fanno parte dell’entroterra gardesano e che di fatto ne rappresentano la sua naturale estensione. A nostro avviso questi comuni, che erano già inclusi dalle precedenti leggi regionali, sono storicamente parte integrante dell’offerta turistica lacuale“.
Nel sistema tematico “Montagna Veneta” si è invece proposta l’aggiunta dei comuni di Malcesine, Brenzone, San Zeno di Montagna, Caprino Veronese e Ferrara di Monte Baldo.
“Il Monte Baldo è un ambito territoriale omogeneo affacciato direttamente sul Lago di Garda e turisticamente rilevante sotto l’aspetto paesaggistico-naturalistico - ha osservato Bertoncelli - quindi risulta coerente con la destinazione del tematismo “Montagna Veneta” e al tempo stesso sovrapponibile e coesistente al tematismo “Lago di Garda” a cui viene da sempre associato per storia, cultura ed economia. Paradossale è il fatto che tutti i comuni veronesi dei Monti Lessini siano stati inseriti nel sistema turistico tematico “Montagna Veneta”, ma non quelli del Monte Baldo!”
L’ultima richiesta avanzata consiste nel rivedere la lista dei Comuni riconducibili al sistema tematico “Città d’Arte”.
“La storia, la cultura e i manufatti presenti in alcuni comuni, ha spiegato Bertoncelli, li collocano obiettivamente ed oggettivamente nel sistema turistico tematico “Città d’Arte”. è questo il caso di: Malcesine (castello medioevale a picco sul lago); Torri del Benaco (torreggiante castello medioevale, mura di cinta, porticciolo romano); Lazise (castello e centro storico racchiuso tra mura merlate e torri medioevali, porto della Serenissima e dogana veneta); Pastrengo (4 forti austriaci che dominano il territorio comunale, paese ove si svolse il 30 aprile 1848 la celebre battaglia conosciuta come "La Carica del Carabinieri" a cavallo, di cui ogni anno si celebra solennemente l'anniversario); Rivoli Veronese (Forte Wohlgemuth presidio austriaco della Val d’Adige, museo napoleonico, rievocazioni della famosa battaglia vinta da Napoleone nel 1797); Peschiera del Garda (città fortezza della Repubblica Veneta cinta da mura e bastioni a forma di pentagono, piazzaforte asburgica del leggendario Quadrilatero, museo del Risorgimento, già riconosciuta “Città d’arte” e “Comune gioiello d’Italia”); Valeggio sul Mincio (imponente castello scaligero, torri merlate, ponte visconteo, villa Sigurtà, frazione di Borghetto inclusa nella lista de "I Borghi più Belli d'Italia”.
Molto probabilmente, nei prossimi giorni, la Regione Veneto contatterà direttamente i Comuni dei quali si è chiesto l’inserimento anche in tali  Sistemi Turistici Tematici ed è per questo che abbiamo già provveduto ad inviare comunicazione scritta ai Sindaci perché siano informati e possano appoggiare al meglio la richiesta”.
Infine Corrado Bertoncelli sottolinea che Federalberghi Garda Veneto si è proposta come interlocutore costruttivo e responsabile con le diverse istituzioni che hanno competenza sul turismo.
“Le nostre indicazioni non vogliono in alcun modo criticare la nuova legge sul turismo, alla cui stesura abbiamo partecipato fattivamente, ma semplicemente esprimere dei dubbi su alcune suddivisioni amministrative all’interno della deliberazione, modifiche delle quali non eravamo al corrente e che hanno sollevato perplessità motivate sul territorio. Penso infine che sia giusto accogliere le richieste e le opinioni di chi vive e lavora nel turismo, per attuare al meglio una legge attesa da tempo, da tutti gli operatori del settore” conclude Bertoncelli.





« torna alla Press area

  AREA RISERVATA
User
ugav_
Password





Federalberghi
Garda Veneto

I - 37016 Garda (VR)
Via San Bernardo 137
tel. 045 6270404
fax 045 6278259

FEDERALBERGHI NAZIONALE - Sistema Associativo
Veneto Tra la Terra e il Cielo