Benvenuti nel sito di Federalberghi Garda Veneto!



SULL’OGD C’È MOLTA CONFUSIONE, PER GLI ALBERGATORI VA FATTA CHIAREZZA.

Garda, 13 agosto 2014

Comunicato

Prendendo spunto dai recenti articoli usciti sulla stampa che hanno creato non poca confusione e incomprensioni tra gli stessi addetti ai lavori, Federalberghi Garda Veneto ritiene opportuno chiarire le dinamiche riguardanti la costituzione dell’OGD - Organizzazione per la Gestione della Destinazione (definito anche DMO - Destination Management Organization), ovvero l’organismo individuato dalla nuova legge regionale sul turismo per la governance della promozione e commercializzazione della destinazione e per la gestione degli Uffici di Accoglienza e Informazione (Iat).
Già a febbraio Federalberghi Garda Veneto e AssogardaCamping avevano dato vita al Comitato promotore dell’OGD Lago di Garda, sottoscritto da ben 14 sindaci su 17, dalle 8 Associazioni albergatori e dal Consorzio di Promozione Turistica. Successivamente si sono tenuti altri incontri, l’ultimo una decina di giorni fa a Lazise, alla presenza della quasi totalità dei sindaci del comprensorio turistico del lago, dei rappresentanti delle Associazioni alberghi e campeggi, del Consorzio Lago di Garda è, della Camera di Commercio e di Confcommercio.
Un incontro, quest’ultimo, voluto da Federalberghi Garda Veneto innanzitutto per sollecitare nuovamente i sindaci a coordinarsi e individuare un loro portavoce incaricato di tenere i contatti con le categorie e gli enti nell’ottica di arrivare al più presto alla nascita di una OGD del Lago di Garda ed anche per aggiornare su questa delicata materia i 10 nuovi sindaci nell’area del lago eletti alle amministrative di maggio. L’intento è quello di creare da subito un tavolo tecnico costituito da rappresentanti di categoria, Comuni e Consorzio che dovrà elaborare la proposta, definire le linee guida di questa organizzazione e le modalità di gestione.
Che cosa cambierà? “Fino a ieri - risponde il Presidente di Federalberghi Garda Veneto Corrado Bertoncelli – le funzioni turistiche erano delegate a vari soggetti e con dispendio di risorse e poca incisività, ora, con questo nuovo organismo si avrà un riferimento unico, un sistema organizzato in grado di assumere le varie funzioni espletandole in modo coerente ed efficiente.”
L’OGD è di fatto una vera e propria cabina di regia e una delle maggiori novità della nuova normativa turistica regionale in vigore da luglio 2013.  Mediante questo organismo,  la destinazione potrà essere organizzata e gestita secondo i moderni concetti del destination management,  coinvolgendo soggetti pubblici e privati. Si potrà così garantire una gestione unitaria e coordinata delle funzioni di informazione, accoglienza, assistenza turistica e promo-commercializzazione dei prodotti turistici della destinazione fino ad oggi gestite separatamente tra pubblico e privato, saldando un’antistorica frattura fra macro e micro marketing turistico.
Corrado Bertoncelli sottolinea quanto gli albergatori siano favorevoli a questo progetto, che rappresenta finalmente una concreta innovazione della legge sul turismo, e quanto sia importante  che la nuova legge regionale di settore abbia sancito il lago di Garda quale “destinazione turistica” propriamente e geograficamente riconosciuta dagli stessi turisti, ed abbia previsto per questo ambito territoriale un unico organismo di governo della destinazione, l’OGD appunto.
 “La promozione del Lago di Garda, spiega Bertoncelli, potrà essere incisiva nella misura in cui sarà attenta alle peculiarità del territorio. Questo il motivo per il quale insistiamo affinché l’OGD del Lago di Garda si realizzi al più presto, ed essendo noi albergatori attori del turismo gardesano, chiediamo ai sindaci, che la legge indica tra i soggetti costituenti, di affrettarsi a mettere in pratica l’iter per realizzare questo organismo. L’OGD del Lago di Garda dovrà confrontarsi e collaborare con l’OGD di Verona per alcuni ambiti e progetti di interesse comune, utili a rafforzare il sistema di accoglienza turistica di tutta la provincia ma soprattutto dovrà confrontarsi con le altre province del lago per ambire ad avere in futuro un soggetto unico per la promo-commercializzazione dell’intero Lago di Garda.  Capiamo che può essere complicato e non immediato mettere d’accordo 17 sindaci e vari enti e associazioni che operano nel turismo ma proprio per questo gli albergatori rivolgono un appello ai sindaci perché si concentrino su questo progetto per arrivare alla costituzione formale dell’OGD entro fine anno ed essere pienamente operativi dalla stagione 2015, tenendo presente che i nostri paesi vivono di turismo. Federalberghi avrebbe piacere che l’OGD fosse costituito da subito da tutti i 17 Comuni, ma se così non fosse riteniamo che si debba comunque partire, anche solo con quei comuni che si rendano da subito disponibili. Gli altri potranno, eventualmente, aggregarsi in seguito.”



« torna alla Press area

  AREA RISERVATA
User
ugav_
Password





Federalberghi
Garda Veneto

I - 37016 Garda (VR)
Via San Bernardo 137
tel. 045 6270404
fax 045 6278259

FEDERALBERGHI NAZIONALE - Sistema Associativo
Veneto Tra la Terra e il Cielo