Benvenuti nel sito di Federalberghi Garda Veneto!



CON I LIVELLI DELLE ACQUE DEL LAGO SIAMO COME SEMPRE IN EMERGENZA: LO DICONO GLI ALBERGATORI

Garda, 9 Giugno 2016

Comunicato Stampa

 

Gli albergatori del lago stanno chiamando in continuazione gli uffici di Federalberghi Garda Veneto per esprimere , ancora una volta, la loro preoccupazione. Maggio è stato un mese piovoso, oltre la media stagionale, e giugno non sembra essere migliore. In questi giorni abbiamo assistito a violenti temporali e intense e persistenti piogge che hanno portato il Lago di Garda a livelli che superano lo 0 idrometrico di più di 130 cm con problematiche differenti tra basso e alto lago dovute a conformazione, correnti e venti diversi. Le previsioni per i prossimi giorni non sembrano migliorare la situazione, ancora piogge e temporali sul lago e quindi la preoccupazione e la tensione degli albergatori aumenta perchè una lagheggiata potrebbe provocare danni alle strutture e alle spiagge e influenzare negativamente l’intera stagione turistica.

“Soprattutto gli operatori turistici lamentano una situazione che si protrae da molti, troppi anni - sottolinea il Presidente di Federalberghi Garda Veneto Marco Lucchini. Da troppo tempo si combatte con i problemi dei livelli delle acque, siano essi troppo alti o troppo bassi. Siamo stanchi di dover pagare le conseguenze di un mancato rinnovo legislativo che si ripercuote sull’attività turistica. Occorre rivedere al più presto la legge del ’65 alla luce delle variazioni climatiche di questi ultimi anni e nel frattempo bisogna salvaguardare l’economia di un territorio molto vasto come quello lacustre. In questi giorni il livello delle acque si sta alzando ogni giorno di circa 2 centimetri e ritengo quindi necessario che si aumentino i metri cubi di acqua scaricati nel Mincio, come misura preventiva, senza attendere il verificarsi di danni e erosioni o, peggio, problemi con il collettore. I livelli sia massimi che minimi del lago vanno monitorati con la massima attenzione in base alla variabile atmosferica in modo da poter intervenire immediatamente: il turismo è la principale risorsa del nostro territorio e non possiamo permetterci di correre rischi in fatto di sicurezza, salubrità dell’acqua e buon mantenimento delle spiagge.”

Ricordiamo che ad agosto 2013 era stato siglato un accordo, sia pure sperimentale, che prevedeva nel periodo febbraio-maggio un livello massimo delle acque di 125 cm sopra lo zero e nel periodo estivo un livello minimo compreso tra 70-80 cm per evitare l'affioramento di alghe e quant'altro e consentire condizioni di navigazione in sicurezza. Accordo niente affatto mantenuto!



« torna alla Press area

  AREA RISERVATA
User
ugav_
Password





Federalberghi
Garda Veneto

I - 37016 Garda (VR)
Via San Bernardo 137
tel. 045 6270404
fax 045 6278259

FEDERALBERGHI NAZIONALE - Sistema Associativo
Veneto Tra la Terra e il Cielo